L’irrigazione intestinale in poche parole

Che cos’è l’irrigazione intestinale?

L’irrigazione intestinale, conosciuta anche come irrigazione transanale (TAI) o irrigazione rettale (RI), è praticata da centinaia di anni e negli ultimi anni è stata sempre più utilizzata per la gestione intestinale.

L’irrigazione intestinale consiste semplicemente nell’instillare acqua tiepida di rubinetto nel retto attraverso l’ano; l’acqua viene poi espulsa svuotando il colon.

È stato dimostrato che utilizzare regolarmente l’irrigazione intestinale è un metodo efficace per prevenire incontinenza fecale e stitichezza. Può anche ridurre il tempo speso per la gestione intestinale, migliorando qualità di vita, dignità e autostima.

L’irrigazione intestinale dovrebbe essere utilizzata con regolarità ogni giorno o a giorni alterni per raggiungere la piena continenza e prevenire la stipsi1. L’irrigazione è un’affidabile opzione per la gestione intestinale, è facile, veloce, efficace, igienica e ti permette di vivere pienamente la tua vita senza preoccuparti del tuo intestino.

La differenza tra gestione intestinale conservativa e irrigazione intestinale

Quando si usano metodi conservativi di gestione intestinale come ad esempio l’evacuazione manuale, si riesce a svuotare solo la parte distale dell’intestino. (figura 1).

Quando si usa l’irrigazione intestinale, l’intestino viene svuotato fino alla flessura splenica, il gomito tra colon ascendente e colon trasverso (figura 2).

Usare acqua tiepida per l’irrigazione intestinale può svuotare il tuo intestino così che non avrai bisogno di irrigarti nuovamente per 24-48 ore2.

Reference: Christensen P et al. Scintigraphic assessment of retrograde colonic washout of faecal incontinence and constipation. DisColon Rectum 2003; 46:68-76

1 Reference: Christensens P, Colonic irrigation for disordered defecation, Doctoral thesis Aarhus University, 2009 

2 Reference: Shandling B & Gilmour RF 1987

Articoli consigliati
Chi siamo

Qufora è un’azienda di dispositivi medicali che lavora per permettere alle persone con disordini intestinali cronici di vivere una vita migliore.